TinyDropdown Menu

13 ottobre 2020

Donne e moda: il fashion che crea integrazione indossa il Made in Milan

Pantaloni Metradamo Maison Chic - tacco12cm


A Milano oggi si terrà una sfilata molto particolare, prendete nota: Palazzo Turati 13 ottobre ore 11:00. Nella Città della Madonnina, dove la moda è protagonista indiscussa, un appuntamento di questo tipo potrebbe sembrare uguale a tanti altri, ma se avete pensato così vi assicuro che vi state sbagliando.  Si tratta di una bella storia d'imprenditoria e umanità, una storia in "rosa" (come potevo resistere?) che ha come protagonista Elisa Malintoppi, un'imprenditrice che un giorno decide di rilevare  lo storico marchio di pantaloni Metradamo Maison Moda Chic, una storica azienda milanese che dal 1979 è specializzata in pantaloni. Più nello specifico Metradamo ha lanciato un tipo di pantalone amato dalle donne per confort e comodità realizzandolo nel tessuto elasticizzato. Un'idea vincente che ha contraddistinto da sempre questo marchio. Torniamo però alla sfilata. 




Ogni anno Benvenuto Club of Milan, associazione culturale no profit nata nel 1967 per accogliere le donne di tutti i Paesi del mondo che si stabiliscono a Milano, con lo scopo di aiutarle a integrarsi, sceglie un brand italiano per farlo sfilare con loro e quest'anno la scelta è caduta proprio su Metradamo Maison Moda Chic. A sfilare saranno le donne dell'Associazione, per un giorno modelle. Tutte sulla stessa passerella per unire nazionalità, lingue, età, taglie, lavori tra di loro diversi come fosse una celebrazione della diversità. Per una volta la moda non crea stereotipi ma genera contaminazioni non solo di stile ma soprattutto umane. Perché l'abito "non fa il monaco" diceva un proverbio e un pantalone "non fa solo un uomo" si potrebbe ben dire. 

Quando la moda diventa lo strumento per creare ponti, riflessioni e spunti, è in quel preciso istante che diventa "cultura". Questa sfilata è una prova di come to be fashion non sia solo un dictat capitalistico ma anche un dictat umano. 

Se siete a Milano andate, ne varrà la pena. 



08 settembre 2020

Taki, Massimo Viglietti lo Show Del Food è servito

Carne Wagyu e non solo al Taki Lab di Chef Viglietti


Taki Labò è una realtà di ristorazione molto diversa dalle altre che ho avuto la fortuna di conoscere. Andare a cena fuori non è mai stato così istruttivo. 

Lo chef Massimo Viglietti fonde food e cultura in un'esperienza sensoriale che ha molto a che fare con il cibo nel senso più stretto del termine. Se credete che andare al ristorante sia ordinare da un menu ed essere lasciati in pace a degustare quello che voi avete scelto, secondo un gusto che nel tempo avete sviluppato e nutrito, non leggete questo articolo perché vi racconterò di una concezione della ristorazione completamente diversa da quella comunemente intesa. 

Lo dice lo stesso Viglietti "Lo show sta per iniziare!" ed è come accomodarsi in una sala teatrale: tutti insieme in una stanza (distanze Covid e mascherina naturalmente), tutti con lo stesso menu. 

Un menu infinito sia nella quantità che nella sorpresa. 

Siete pronti per iniziare questo viaggio all'insegna del gusto con me? 

Tacco12cm - la cena al Taki Labò la mascherina può servire anche ad altro


L'Esperienza

Iniziamo con il dire che Taki Labò nasce come una sorta di spin off di Taki Off, è un assaggio del  progetto gastronomico di Massimo Viglietti, chef stellato, con Yukari e Onorio Vitti.
Si gioca sul concetto dell’antica filosofia orientale dello yin e yang, del bianco e nero. 
Taki, rigoroso e candido, accoglie l’estro “dark” di Viglietti. Massimo sarà il nero, mentre in contemporanea Taki, guidato da Yukari, continuerà a offrire ai clienti il meglio della cucina giapponese, di alta qualità .
 Taki Labò diventa un vero e proprio palcoscenico. Alle 20:50 le porte si chiudono, il sipario si apre ed entra in scena lo chef che con la musica di sottofondo ma piuttosto alta, ci spiega la sua performance gastronomica: 
" Dovete passare una serata differente. Tirate fuori i ricordi. Voglio crearvi delle sensazioni, delle emozioni. Voglio che usciate fuori di qui e vi sentiste scossi come se qualcuno vi avesse dato uno schiaffo". 
L'inizio non è male. La sensazione è che a schiaffi ci stia già prendendo se pensate che si è rivolto ai suoi clienti parlando con un tono di voce sostenuta per sovrastare la musica che: 
"Sarà così tutta la sera, anche se vi sembra alta. E' una mia selezione e serve a farvi concentrare su quanto vi capiterà di mangiare. Non voglio che parliate e vi scambiate idee, non voglio che vi condizionate a vicenda". 
Massimo è così, ama la musica e il suo look rock non lo nasconde. Ama le contaminazioni e la sua cucina è sincera, ti rimanda quello che da lui ti aspetti. La definirei sfacciata. 



Il Menu

Toglietevi dalla testa l'idea che Taki Labò segua un menu canonico. Nessuno antipasto primo o secondo, per intenderci. Le portare arrivano in modo "confuso" e quello che si assaggia non è di facile catalogazione.  

Sulla postazione un biglietto a forma di carta di credito tutto nero con l'incipit Ladies&Gentlemen mostra una parte del menu previsto per la serata ma non è quello a colpirmi piuttosto il lato B della tesserina  che recita: Yukari Onorio Production "Taki Labo" non solo un ristorante ma un luogo d'incontro per dame, cavalieri, poeti, sognatori, naviganti

L'atmosfera al calar di queste parole s'è già riempita di magia, prima che arrivi il  sakè frizzante a bassa gradazione alcolica, servito con succo di sambuco, limone e menta, per accompagnare una millefoglie con la base patè di quinto quarto in sfoglia croccante e un tris di fritti: polpetta di carne wagyu,  uramaki tradizionale e del formaggio Montasio impanato e fritto. 
Tutti e tre deliziosi e con un buon equilibrio di gusto e sapori. A coccolare il palato arriva poi del pane sciapo lievitato 76 ore da spalmare con un burro al pesto di una bontà indescrivibile. E' qui che esce fuori il Viglietti ligure, classico se vogliamo, fortemente radicato al suo territorio che non vuole tradire ma ricordare e raccontare. Oltre al pane vengono portati il grissino di wasabi e la foccaccia ( che non è pizza! ci tiene a sottolineare lo chef che non ammette ignoranza in merito e spiega, ai meno preparati che la foccaccia ha pochissimo lievito e farina tipo zero) 
Quindi arriva un antipasto d'’Insalata croccante di verdure, baccalà e foie gras in cui i sapori ben
separati vengono armonizzati dal paté di fegato d’oca e condite aceto giapponese ponzu, salsa su
base agrumata, con aceto di lampone e aggiunta di olio EVO anche questo ligure, a ribadire il territorio che ha dato i natali a Viglietti. 
Ora passiamo alla parte più orientale della cucina che comunque è "violenta" perché lo Chef usa la materia animale e vegetale facendola a pezzi, cucinandola.



Sicuramente la tartare di manzo con gambero e umori della sua testa, spremuti a freddo a tavola direttamente dallo Chef non solo è un piatto in cui esplodono i sapori  ma è anche l'esecuzione più spettacolare di questa esperienza gastronomica. 
"I sapori nascono dalla povertà" è un altro dei concetti che più spesso lo Chef ribadisce. 
Così bene si spiega il piatto successivo :   i ravioli (o Gyoza) piastrati e serviti con pepe verde Sakura e riso trasformato in salsa, come da tradizione giapponese, ripieni  di gamberi, maiale e verdure, accompagnati da una tazza di brodo vegetale fatto con katsuobushi (tonno essiccato), pomodorini, cipolle, scalogno, sedano, aglio ed erbette a cui si aggiunge un tuorlo d’uovo: l’uovo e il brodo, serviti in tazza separatamente, vengono sorbiti come un consommé e riescono a esaltare i delicati sapori dei ripieni. 
Altra esaltazione di un piatto. 
"L'uovo con brodo di pachino abbinato al raviolo con carne di maiale serviti a temperatura per non rovinare il palato. 
Nella cultura povera povera si usa molto l'uovo e il brodo, basti pensare a piatti come la stracciatella. Importante è anche la temperatura alla quale un piatto si serve. Troppo spesso non si rispetta con l'errore di non esaltare al massimo i sapori che un prodotto di qualità può generare". 

Poi lo Chef propone un gioco con la mascherina: "dal momento che l'avete mettetela sugli occhi, assaggiate il prossimo piatto e poi sbendatevi". 

Il palato allora inizia a indagare i sapori che privi del sostegno della vista si legano con soddisfazione. 

Un piatto assurdo solo a concepirlo eppure... si tratta degli Spaghetti di patate mantecati con ricci di mare e serviti con mousse al caffè e cubetti di baccalà: un gioco di consistenze e temperature
.
Sapori, giochi e sperimentazione sono gli ingredienti anche della mistery box, tanto caro alla cultura del Sol Levante. Un piatto tutto giocato sui sapori grassi: un’anguilla laccata leggermente arrostita con la sua pelle viene proposta con una salsa parmentier, lavorata come un purè, a base di patate, robiola, sesamo che gli dona un sentore di cioccolato e con una sottile fetta di mela verde, infusa in uno sciroppo di maggiora, in un contrasto grassezza/freschezza. 



La cena non è finita. Le portate proseguono e sono tra loro così diverse che assaggiarle tutte è un divertimento. Si prosegue poi con la carne Wagyu, proveniente dalle Alpi giapponesi e dal sapore dato da una marezzatura che ricorda molto la carne di Kobe. Fatta appena scottare sulla piastra da entrambe i lati, la sua grassezza dolce permette un gioco sulla sapidità in abbinamento all'acciuga. 
Questa è condita con un olio lavorato come una bernese sullo stile della bagnacauda e servita poi con una purea di aglio nero della zona di Voghera, una insalata di verza che aiuta a rinfrescare il palato, condita con un olio acciughe, alghe e nocciole, conducendo alla scoperta di questa carne pregiata, totalmente nuova e ammaliante. 




Infine un classico piatto di tradizione giapponese rende omaggio a Yukari, celebrando il Sol levante: Spaghetti freddi di Soba integrale con salicornia in tempura, sardine leggermente affumicata, salsa bernese, funghi ovuli e brodo di ovulo aromatizzato.

A chiudere il sipario della cena, due dolci (anche se definirli tali è a mio avviso improprio). 

Si tratta della Banana, cioccolato bianco, frolla salata e caviale che si presenta come un omaggio alle donne dal punto di vista formale prende spunto infatti dallo stilista Jean Paul Gautier: una crema di banana che riproduce la forma delle gambe delle donne sopra le quali si ritrova il "paradiso" realizzato con con del pregiato caviale. Ai lati le due componenti grasse, cioccolato bianco e frolla. A questo punto si devono usare due cucchiai per avvicinare le due componenti alle "gambe di donna" e mangiarsele in un sol boccone. 

Dessert dedicato alle Donne

Il risultato è un piatto bilanciato in cui il potassio della banana contrasta lo iodato del caviale mentre sia il cioccolato bianco che la frolla intervengono con lo scopo di legare i sapori tra loro più forti, facendoli ammorbidire nel palato. 

Il secondo "dolce" è un Gambero Suzette, gelato al tè verde, crumble salato e yuzu unisce la freschezza e l’amarezza del tè verde alla dolcezza del crostaceo, lavorato come una crepe in cui al posto del Grand Marnier viene usato lo yuzu, per chiudere poi con la croccantezza della frolla.

Devo dire che sui dolci sono caduta! Non li ho capiti molto ma questa è un mio limite, per capire i geni ci vuole grande apertura mentale... la banana e il caviale mi hanno convinto mentre sul gambero suzette... ho più di una perplessità ma del resto lo Chef Viglietti voleva proprio questo: farmi uscire frastornata e contenta! 




Dessert al Gambero







 Taki - Via Marianna Dionigi, 56/60

 Aperto tutti i giorni 12:30/15:00 e             19:30/23:30

 Taki Labo' aperto da martedì a sabato 20:00/22:00

www.taki.it




12 luglio 2020

Rose Tartare Bar: quando il food e il fashion s'incontrano

Tacco12cm al Rose Tartare Bar 


Quanto entri dentro il "Rose Tartare Bar" questa canzone ti inizia a frullare nella testa: 

Pink it's my new obsession
Yeah, pink it's not even a question
Pink on the lips of your lover, cause
Pink is the love you discovah
Pink as the bing on your cherry
Pink cause you are so very
Pink it's the color of passion
A-cause today it just goes with the fashion



Steven Tyler cantava così e mai qualcuno ha incarnato più di me filosofia di vita di quel successo degli Aerosmith targato 1997, il secolo scorso. 
Amo il Rosa, quindi potete immaginare la gioia di scoprire Rose Tartare Bar nel cuore di PortaPortese, nella mia Roma. 

La Storia


Elegante, sofisticato, femminile
Questi gli aggettivi che si adeguano a un locale con un'anima internazionale e un gusto innato sia nell'arredo che nella presentazione del cibo e nella scelta delle ricette.  
Pesce, carne e vegetarian food le tre scelte che mettono d'accordo tutti e nessuno a disagio. 
Il pane è in parte fatto in casa come pure i dolci. Dalle bollicine di benvenuto al caffè il viaggio è una scoperta di sapori e un appagamento dell'umore. 
Missione compiuta per le tre donne padrone di casa. Carlotta Santacroce, 26 anni di Roma con esperienza nel mondo della moda, insieme alla mamma Alessandra e alla zia Fabrizia Cicchetti, interior designer che ha realizzato il concept di Rose un posto giovane, con uno spazio social studiato per essere condiviso. 
Carlotta grazie ai suoi viaggi mi confessa che:
 "Nei miei viaggi un posto come questo l'ho visto a Londra, a Berlino, a Madrid ma a Roma proprio no, mancava a mia avviso qualcosa di chic e internazionale insieme". 
In effetti è un unicum, un locale più "milanese" che romano e proprio per questo un'intuizione molto originale che ha trovato la luce nel momento più drammatico della storia economica mondiale. 
Del resto il coraggio è donna e Pink... Pink is the color! Rose Tartare Bar ha aperto a metà giugno e oltre al pranzo e alla cena, qui è possibile degustare aperitivi e a partire da settembre anche colazioni! Quest'ultima novità m'incuriosisce non poco. 

L'Esperienza

Sono stata già due volte in questo locale definito anche bistrot ma che avrebbe bisogno di un nome nuovo dal momento che non ce ne sono in circolazione. L'ospitalità è sempre molto calda ma non invadente. La cucina è deliziosa. Ancora qualche accorgimento da perfezionare per una nuova apertura che parte con tutte le carte in regola per diventare una realtà interessante. 
Il prosecco, rigorosamente rosé di benvenuto non è male per niente. Un gusto ruffiano che difficilmente non piace. Si tratta di un Pinot Rosé "Bacio della Luna". Mi sembra giusto dire che non sono una sommelier ma sono una che apprezza il vino, il prosecco, insomma sono una abituata all'aperitivo e al brindisi. A mio modesto parere è molto gradevole. Tanto che la seconda volta che sono andata a mangiare da Rose Tartare Bar ho preso l'intera bottiglia per accompagnare la cena! 
Comunque quello che colpisce è la varietà: pesce ma anche carne e anche un'ampia scelta per chi è vegetariano (per i vegani bisogna ancora lavorarci un po' anche se qualche proposta c'è). 
In estate prediligo il pesce così, su consiglio di Carlotta, ho assaggiato la Mediterranean Tuna Tartare (Tartare di tonno, rucola, stracciatella di burrata su emulsione di pomodoro pachino). Pesce freschissimo e porzione giusta (non di quelle gourmet da un sol boccone per intenderci). Mi è piaciuta. 
Tacco12cm - Rose Tartare Bar Mediterranean Tuna Tartare

A seguire però devo dire che è andata meglio perché in questo menu vario e internazionale figurano piatti come i Bao Buns (un popolare street food di Taiwan che somiglia a un panino farcito) rivisitati con soluzioni italiane sempre nelle tre varianti carne, pesce e vegetariana; i Pokès ossia piatti componibili aggiungendo alla base di riso ed edamame (fagioli giapponesi) e i Tacos, le famose tortilla messicane di solito chiuse ma che al Rose Tartare Bar vengono servite aperte e poi ...si possono mangiare con le mani! 
La mia scelta è andata sul Black Fish Tacos : Tacos al carbone con tartare di ricciola, germogli, granella di pistacchio e salsa chutney di mango, una salsa agrodolce tipica della cucina indiana. 
Un piatto nato dalla voglia di sperimentazione e dalla curiosità gastronomica di Carlotta. 
Un piatto vincente! Gustoso, nuovo e molto molto Rose! 
La cucina è a vista e lo chef, di origini indiane, vanta esperienze in ristoranti come La Rosetta. Ci sono però anche i Mains, ossia i piatti più tradizionali. Per esempio, la mia seconda volta la scelta è stata Roma (un nome a caso!) ossia Spaghettoni cacio e pepe con tartare di gamberi. Molto buona! 
Per concludere il Tiramisu, davvero interessante, abbastanza bagnato di caffè e molto spolverato di cacao (forse un po' meno sarebbe stato meglio.. solo per la linea) un dolce italiano, del resto nella pasticceria possono provare a spodestarci solo i francesi ma sinceramente continuo a preferire la nostra tradizione. 
I prezzi giusti. Le tartare sono tra i 12 e i 13 euro e sono i piatti più cari. 

Tacco12cm - Black Fish Tacos  


Il Locale 

Situato nel cuore di PortaPortese, motivo per il quale la domenica il ristorante è chiuso, Rose è una bella novità per Trastevere e per tutta la Capitale. 
In primis è un posto bello, e se è vero che si mangia prima con la bocca e poi con gli occhi, beh, da Rose Tartare Bar ci si predispone con delle aspettative alte perché un posto così non può deludere il palato. 
Poi la conferma di non essere in un ristorante improvvisato ma studiato in ogni dettaglio non solo nel food ma anche nell'estetica: 
"Volevo fosse social, instagrammabile!" mi dice Carlotta "Così ho detto a mia zia che si è occupata di trasformare in realtà le mie idee, di creare dei corner, dei punti in cui tutti i nostri ospiti volessero farsi uno scatto." Senza dubbio la parete di rose dalle varie gradazioni è uno di questi. Inoltre c'è anche il bancone bar per gli aperitivi (in futuro per le colazioni) dove puoi anche cenare. 
Quello che mi ha colpito di più, del locale oltre alle poltroncine in velluto rosa, alle posate oro, ai fiori freschi in tavola, è il suo mood : 

"Be Faithful to your Dreams" 
"Abbi fiducia nei tuoi sogni"

Ecco direi che questo è il messaggio più importante, quello che ti ricarica da una giornata storta o che ti invita a riflettere in una pausa pranzo o al momento di un brindisi con le amiche. Stai dando fiducia ai tuoi sogni?
Carlotta, Alessandra e Fabrizia lo hanno fatto anche oggi che il mondo va in salita, e se a loro è venuto così bene perché a te non dovrebbe andare alla grande?
Pink is the Color e Rose Tartare Bar un posto che è già entrato nella lista dei miei posti del cuore. 



Rose Tartare Bar
Indirizzo: Via Angelo Bargoni 62 - 00153 Roma
Telefono: +39 349.2193487
Orario: Lun-Sab (pranzo dalle 11.30/15.30 - aperitivo-cena 18.00/23.30)

Chiuso la Domenica

Tacco12cm - Rose Tartare Bar Specchio
Tacco12cm - RoseTartareBar particolari

03 giugno 2020

Mascherine Fashion, protette e cool

Mascherine vi conosco... 

Tacco12cm: Mascherine fashion, che passione! 


Mascherine vi conosco... non è un modo di dire, un metafora per esortare qualcuno a togliere la mascherina che indossa, qui vuole essere anche un'esortazione a indossare la mascherina giusta per la salute nostra e di chi ci circonda.
Il motto però è di essere sempre fashion. Missione impossibile? Direi proprio di no. In questo post vi darò delle segnalazioni utili allo scopo: to be fashion is a mission, don't forget!
Ecco a voi dunque qualche consiglio di Tacco12cm per essere cool nonostante metà volto coperto (chi lo avrebbe mai detto!?) 


Tacco12cm: mascherina quadretti made by Niiiccchhh 

Tacco12cm: mascherina LePuppette 

Tacco12cm: qui la mascherina tacco12cm di Valeria Magrì 
Tacco12cm: mascherina Food by Valeria Magrì

Tacco12cm: mascherina Jeans made by Niiiccchhh

Alcune di voi mi hanno chiesto di scrivere qualche "indirizzo utile" allo scopo. Quindi eccomi qui. Lo faccio con grande gioia anche perché è un modo per aiutare alcune amiche molto brave che a prezzi modici creano delle mascherine davvero belle. 

Vi indicherò solo persone a me vicine e alle quali a mia volta mi sono rivolta, anche se so che ce ne sono molte altre, non posso che testimoniare per quella che è la mia esperienza.

Tanto per iniziare: mascherina total oppure minimal?


Nel primo caso (ossia Total)  il nome a cui rivolgersi é @niiiccchhh, la trovate anche su Instagram con lo stesso nome, vi piacerà!
Le sue mascherine con tasca interna costano dai 15 € in su. Niiiccchhh ricicla tessuti quindi le sue mascherine sono pezzi più o meno unici. Realizza anche mascherine per tutta la famiglia, se la stoffa lo consente, così che mamma, papà e bimbi possano uscire coordinati: più cool di così??? 
Ne produce di tanti colori. La forma è quella sagomata a coprire naso e mento.
Per intenderci le mie mascherine made by Niiiccchhh sono quella a quadretti rossi e l'ultima delle foto sopra riportate in jeans leggero. 

Nel secondo caso (ossia minimale) dovete seguire Valeria Magrì su Fb o Instagram.
Ne fa di due tipi: satin o cotone.
Ha fantasie pazzesche e il costo si aggira dai 10€ in su.
Anche la confezione è molto originale e ricca di dettagli. La mascherina è infatti sigillata in una bustina trasparente cui è apposto un foglietto con il logo di Valeria: un disegno di due bulldog con mascherina, cui dietro è apposto il suo cellulare (che qui per motivi di privacy non inserisco, potete chiedermelo in privato) e spillato piccolo il nome del destinatario/cliente (come potete vedere nella foto che segue). 
Ne volevo una a tema Food, uno dei miei campi di lavoro nonché una vera e propria passione. 
L'altra in satin, è quella con il Tacco... di Tacco12cm (vd. foto sopra) che Valeria ha realizzato appositamente per me! Non è pazzesca? 
In satin poi è molto fresca e pratica. 
Anche Valeria le produce mascherine con o senza tasca, dipende dal cliente che la commissiona e dalla fretta che avete nel riceverla (Quella con tasca richiede un po' più di tempo). 



Per chi vive in Piemonte la mia amica Caterina Giallonardo di @unsaccobello è il riferimento per eccellenza ( e non solo per mascherine) ma per tutta la sartoria a partire da fasce, turbanti, zaini e quanto altro. Date pure una sbirciata, intanto qui sotto potete vedere alcune delle sue ultime realizzazioni. 

Per chi ne cerca di confezionate ne ho comprata una della linea Le Pupette by Arcadia al costo di 7€ che ho trovato presso Capoverso, società cooperativa.  Andando direttamente sul sito di Arcadia non mi compaiono, quindi vi consiglio di andare da Rita e Barbara che ne hanno molte e divertenti come quella che indosso nella foto sopra (la n. 2 "Mi proteggo con stile!") 

Infine non le ho comprate ma ho visto che si è attrezzata per lo scopo anche un'azienda che conosco: la Bikineria. Si trova in Sardegna ma spedisce in tutta Italia. Non ho trovato riferimento alle mascherine sul sito ma solo su i social di Facebook e Instagram. Conviene scrivere loro per info più dettagliate. 


Tacco12cm : La Bikineria, Porto Cervo foto 1 

Tacco12cm : La Bikineria, PortoCervo foto 2. 
Girando per Roma poi ho scoperto che molti negozi di abbigliamento propongono soluzioni coordinate con l' abito. Un pochino mi sono sorpresa nel vedere vetrine con le mascherine come fossero capi di abbigliamento a tutti gli effetti, non come soluzione "temporanea" ma come nuova realtà e accessorio "necessario" ma di tendenza.
Le ho trovate molto carine ma l'idea di "tapparci la bocca" sinceramente continuo a ritenerla poco piacevole.
Alcune vetrine avevano il prezzo esposto tipo la foto n. 3 qui sotto, ben 18€ mentre le prime due foto non avevano indicazioni di prezzo ma immagino che siano più o meno sulla stessa cifra della n.3.  

FotoN1. 
FotoN2

FotoN3

Queste le soluzioni che mi sento di suggerire, ricordandovi che le mascherine di tessuto non sono risolutive al fine di proteggere dal virus ma solo di evitare il fenomeno del drop, ossia delle goccioline di saliva che possono arrivare quando parli con una persona a meno di un metro. Quindi, mascherina e un metro di distanza, sempre se volete essere sicure. 

Per concludere se volete essere fashion adesso avete tutti gli indirizzi, fatemi sapere! 
E indossate la mascherina che non salva ma aiuta voi e gli altri! 

03 marzo 2020

Favilla, la pizza buona è donna!

Favilla, la pizza di Giulia


Tacco12cm - Pizza Roma di Favilla




 

 

Il quartiere di San Giovanni a Roma sta diventando sempre più un luogo dove mangiare bene non solo è possibile ma è anche una certezza. 
Dai ristoranti della tradizione, a quelli etnici; dalle gelaterie, allo street food; dalla pizza di Sbanco.. a quella di Favilla
Una piacevole scoperta, in primis perché il cibo è buono e poi perché non si tratta esclusivamente di una pizzeria. Favilla è un locale che della pizza fa la sua missione ma non la sua unicità.
Una decisione che mi piace perché  offre un'alternativa valida anche a chi la pizza non la ama (non so come sia possibile, inoltre quella di Favilla è digeribile e gustosa) e preferisce un primo della tradizione o un secondo di carne. 
Inoltre Favilla, è femmina di nome e di natura perché nasce dall'idea di Giulia Pate una giovane ragazza appassionata di impasti, infatti quello della pizza servita da Favilla è una sua ricetta,  ma anche un'imprenditrice attenta e presente. 
La presenza in particolare, per me resta e resterà sempre un valore aggiunto. Vedere chi lavora in un locale e come lo fa, è la garanzia per un cliente di essere in un posto gestito seriamente. Giulia non solo c'è ma serve ai tavoli, prende le prenotazioni e gestisce un personale tutto maschile.
Una trentenne grintosa che ha sta lasciando un'impronta in un progetto di cui è la mamma. 

La Storia 

"Con il tempo l’ho reso mio, gli ho dato un’anima. Così, come una scintilla, è nato Favilla”, Giulia racconta così la genesi di un ristorante nato sulle macerie di una vecchia pizzeria ma con un format meno tradizionale.
Giulia Pate è nata a Roma e dopo aver seguito una serie di corsi dedicati agli impasti e alla livitazione, aver aiutato e supportato il suo compagno Giorgio (titolare, sempre a San Giovanni, di Oh Dog primo locale dedicato al panino tipico dei paesi di lingua inglese) si è gettata anima e corpo in questo progetto tutto suo. 
Il suo tocco è evidente dall'arredamento al servizio in sala, dalla selezione delle materie prime, alla scelta del format dove il gusto travolge tutti i sensi non solo la bocca. 
La sensazione è quella di un'aula scolastica, con le tipiche sedie di legno alternate a sedie dagli schienali gialli che donano un tocco di colore a un ambiente che gioca sulla semplicità fatta di pareti bianche e grigie con luci industrial style e un grande specchio incorniciato ad allargare l'ambiente.
Tavoli in legno e forno a vista, questa è già una garanzia. Qualche tavolo è anche fuori e il numero di coperti è ampio ma non esagerato.

Tacco12cm - Interno Pizzeria Favilla

La Pizza

La pizza di Giulia è digeribile e gustosa. Cotta nel forno Valoriani, qui si mangia una pizza a metà tra quella napoletana e quella romana ossia con un bordo leggermente più alto di una tradizionale romana e un peso a metà strada dalla napoletana che sta intorno ai 250 grammi. Un mix di farine tra semintegrale di tipo 1 e grano duro di tipo 0 fatto lievitare tra le 48 e le 72 ore, per renderlo leggerissimo e altamente digeribile.
Tanti i gusti che le dividono in due categorie: "Le Classiche" e le "Sfavillanti".

La mia esperienza

Ho iniziato il percorso gastronomico da Favilla con un trittico di fritti. Sui fritti sono piuttosto esigente, ho un palato fino. Valuto croccantezza, olio e cottura del riso o del baccalà o di qualsiasi sia la verdura o il prodotto servito fritto. Devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa dal supplì che ha una nota diversa dai soliti supplì infatti si può scorgere lo zest di limone amalfitano (in italiano : la scorza) che ci sta proprio bene. Non solo, ho apprezzato molto anche Verso Roma, delle polpette di carne morbide bollite, salsa verde e misto croccante: una delizia.
A concludere la triade un'altra scoperta interessante Il Mare d'Inverno, ossia il baccalà fritto con cipolla rossa di Tropea caramellata, Crema di Zucca Mantovano IGP e granella di Amaretti. Un accostamento di sapori non innovativo di suo ma interessane applicato a un tipico food street come il baccalà fritto. Un accostamento che lo nobilita nel gusto oltre che nella sua presentazione.
Le pizze che ho degustato meritano anche loro un racconto attento.
Tra le Classiche ho assaggiato la Margherita, facile facile con pomodoro, fiordilatte e basilico. Croccante e dai sapori ben definibili e genuini. Poi tra le Sfavillanti la Roma, fior di latte e cicoria ripassata finita sul bancone con filetti di alici, bufala a crudo e mentuccia romana e Armonia, fior di latte, zucchine, crema allo zafferano e prosciutto crudo
La mia preferita? La Margherita la qual cosa vi dovrebbe far riflettere. Di solito i piatti più difficili sono quelli "semplici", quindi la mia è una promozione a pieni voti.
Sfiziosa (o forse dovrei dire "sfavillante"?) la Roma. Mi è piaciuto l'accostamento di cicoria e alici con quella punta di mentuccia che solo Roma può produrre rimandando a evocazioni di estati romane.
L'Armonia si piazza al terzo posto. Per il mio palato è troppo "complicata" non nel riconoscerne gli ingredienti che erano tutti di qualità ma nel farli sposare.
C'è bisogno di una pizza così "carica" quando la Margherita sa appagarti al primo morso?
Ho già segnato per la prossima visita la Fish & chips: base focaccia, polpo cotto a bassa temperatura, patate schiacciate, crema di burrata e peperone “incruscato” a effetto crunch e alcuni dei primi piatti, come gnocchi crema di zucca mantovana IGP fonduta di pecorino e polvere di liquirizia, e dei secondi come Hamburger della settimana o le Polpettine Vegetariane con salsa di yogurt che compaiono sul menu per dare un'alternativa interessante agli ospiti che di pizza proprio non ne hanno voglia.
Utile dire che tutto il menu segue la stagionalità con una rotazione in carta di circa tre mesi, grande attenzione per la materia prima e la selezione degli ingredienti e dei migliori fornitori italiani. 
Dalla storica macelleria di Angelo Feroci proviene tutta la carne, come il guanciale, la tagliata, il pollo o la salsiccia; il pomodoro è Inserbo, un'eccellenza campana, il pecorino romano biologico è di Cibaria, azienda in provincia dei Castelli Romani, mentre il fior di latte è del caseificio Fragola che da oltre cinquant'anni è uno dei migliori produttori di latticini. Sia il pane degli hamburger che il maritozzo provengono dal Forno Prelibato; per la pasta fresca si affida al Pastificio Secondi e per quella di grano duro alla linea Felicetti. Tutti i piatti sono conditi a crudo con il Flaminio, olio extra vergine di qualità, ottenuto per estrazione a freddo da olive italiane raccolte a mano. 

Da Favilla ho bevuto un buon Cesanese, pochi vini ma interessanti. Anche la parte dedicata alla birra non è male con alcune birre nazionali sia alla spina che in bottiglia. Per chi "non beve" nessuna paura c'è una lista di analcolici...anche se io di chi beve non mi fido...

Tacco12cm - Favilla Fritto Baccalà 

Tacco12cm - Favilla Verso Roma 

Tacco12cm - Favilla Pizza Margherita


Favilla - Pizzeria con Cucina: Via Urbino 35; Tel. 06 7049 3458; orari: mar. - merc. - giov. e dom. 19 - 23; ven. e sab. 19 - 23.30; aperto sabato a pranzo 12.30 - 14.30; chiusura: lunedì.








19 febbraio 2020

UndiciVenti, il cachemire che passione!


UndiciVenti raccontato da Tacco12cm

Volevo raccontarvi di UndiciVenti una piccola azienda con una specializzazione precisa: cachemire.
La mia è una vera e propria passione, sono freddolosa e il cachemire mi sa scaldare come nessuno (o quasi 🙂 ), se poi il cachemire è colorato con gradazioni pazzesche il connubio è perfetto e resistere alla tentazione è impossibile.
Così, dopo averne sentito a lungo parlare, sabato scorso mi sono decisa e sono andata al Loft 23 a roma, zona Ponte Milvio.

In un open space condiviso con artigiani di scarpe, di gioielli e di vestiti di bambini spunta un angolo super morbido e colorato con due padrone di casa appassionate e accoglienti.
Sarah Felberbaum e Giorgia Santantonio mi hanno illustrato la gamma di modelli e di colori e vi assicuro che la scelta è stata ardua.
C’era un rosso (tra l’altro in edizione limitata) che davvero avrei voluto con me per sempre ma poi l’ha spuntata il bluette che vedere nella foto coordinato con i suoi manicotti, altra esclusiva di UndiciVenti.

Per l’estate restate connesse amiche perché ci saranno molte sorprese.
Oltre al cachemire estivo molto sottile (a differenza di quello a 8 fili del mio cappello modello U 30cm ) ... ci saranno i kimoni! Certamente coloratissimi 😍!
Gli altri modelli di zuccotti invernali sono il “must” modello G 50 cm e il modello S 20 cm.

Per maggiori dettagli vi rimando al sito www.undiciventi.it e il profilo Instagram e Facebook; per 
info 1120@undiciventi.it

Ci tengo a precisare che in quanto giornalista la mia è solo una segnalazione, sulla pagina del mio blog suggerisco gli articoli che mi piacciono e di qualità. Le belle scoperte che mi capita di fare come fashion addicted.

Questi prodotti lo sono e sono anche stati da me regolarmente pagati (In caso qualcuno si facesse venire il dubbio... ) i prezzi, a tal proposito, partono da 140 euro in su.
Un piccolo lusso che potete concedervi magari anche approfittando, come me, dei giorni di promozione che sono solo 2 l’anno... ma se tenete d’occhio il sito non avrete problemi nel riuscire nell’impresa!

Cosa aggiungere? UndiciVenti spedisce in tutta Italia e al momento si trova anche a Milano per tutto febbraio in Corso Magenta, 66 presso Dafne gioielli.

UndiciVenti ha due padrone di casa belle, ospitali e appassionate... soprattutto pazienti con quelle che come me per decidersi ci mettono una vita! Tornerò presto a trovarle, chi viene con me?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...